LUOGO MAGICO PER LE VACANZE

Si sta avvicinando l’estate, è normale pensare alle vacanze quindi a un luogo fantastico dove rilassarsi dallo stress cittadino, ma che ci permetta anche di divertirci. Allora perché non andare in Sardegna? I motivi per fare una vacanza in Sardegna sono molteplici:

– Quasi 2000 km di coste con mare turchese e trasparente, e sabbia bianchissima che non ha nulla da invidiare al mare dei Caraibi .

– Il clima è piacevole e caldo da Maggio fino a Settembre / Ottobre, questo permette un’ampia scelta per decidere il periodo migliore per prenotare una casa vacanza magari con una bella vista sul mare;

– In Sardegna trovi davvero di tutto, dai luoghi tranquilli e rilassati alle zone mondane e VIP, bellissime spiagge ma anche siti culturali, storici e archeologici  per non parlare della cucina tipica, composta di cibi super saporiti a base di carne o pesce fresco; cosa c’è di più bello che affittare una casa e potere cucinare carne o pesce alla griglia ammirando uno splendido panorama magari in compagnia di amici o della propria famiglia?

-Dal sultano del Brunei con uno Yatch delle dimensioni di un transatlantico, al giovane con lo zaino in spalla, alla famiglia o a un semplice gruppo di amici, la Sardegna ha moltissimo da offrire e può offrirlo per per tutte le tasche!

Si può arrivare in aereo o in traghetto e se si sceglie questo ultimo mezzo e si sbarca a Golfo Aranci si può dire che siamo arrivati alla meta perché questo piccolo paese offre tante belle spiagge, una vita notturna piacevole e i costi per affittare una casa vacanza non sono eccessivi. Affittare un appartamento qui vuol dire trovarsi in una posizione ideale per chi vuole conoscere la Sardegna del Nord con i suoi siti storico-archeologici, con le sue mete turistiche famose, con le sue spiagge di sabbia circondate da rocce che si riflettono in un mare ricco di splendide trasparenze, ma vuol dire anche di avere tante spiagge a portata di mano poiché dentro il paese stesso ci sono ben 5 spiagge tutte bellissime per cui dagli alloggi per vacanza si raggiunge la spiaggia in pochi minuti a piedi così come vuol dire anche poter usufruire di tanti ristorantini che offrono menù a base di carne o pesce appena pescato.

La Sardegna è una terra unica, con un mare cristallino come se ne vedono pochi in Europa e ricca di un entroterra affascinante, fatto di tradizioni antiche e di una gastronomia unica; la scelta di un alloggio per vacanze è vasta, si può cercare la casa in riva al mare o la casa in un residence secondo le varie esigenze, ma saranno sempre sistemazioni ottimali.

Insomma una vacanza in Sardegna è una vacanza da sogno.

 

La Gastronomia della Sardegna

La Sardegna deve il suo nome ad una leggenda secondo la quale il Creatore la “assestò” con il suo piede, dandole così l’impronta di un sandalo: i Greci ed i Fenici la chiamavano infatti Ichnusa e Sandalyon..

La Sardegna è un po’ più piccola della Sicilia, ma per le sue varietà naturali ed umane che la caratterizzano è un “mini-continente”; questa isola straordinaria offre al turista un gran numero di aspetti di notevole interesse che non possono sfuggire anche a chi fa una semplice visita per trascorrere le sue vacanze.

Uno degli aspetti da cui si evince come la Sardegna tenga fede alla sua “insularità”e da cui non può sfuggire nessun visitatore è senza dubbio quello della Gastronomia, le sue produzioni hanno come caratteristiche principali : la mancanza di pietanze elaborate ,schiettezza nei sapori e negli odori, genuinità in tutti i prodotti utilizzati.

La gastronomia sarda si può dividere in una gastronomia di terra, che si trova essenzialmente all’interno; e una gastronomia di mare che si trova lungo le sue coste , ma in entrambi si usa il suo tipico pane ormai famoso e diffuso, originario delle comunità pastorali della Barbagia :è il pane carasau o carta musica , fatto da sottili sfoglie biscottate al forno, rotonde, con poco sale, di lunga durata perchè utilizzato dai pastori che stavano per giorni negli ovili distanti dal paese.

Nella gastronomia di terra si trova il pane frattau caratteristico della zona del nuorese e e che gustato al di fuori dei confini barbaricini mancherà sempre di qualche cosa anche se fatto con gli stessi ingredienti, rinomati sono anche i ravioli così come i culurgiones dell’Ogliastra , i maccarones, i malloreddus all’oristanese, la zuppa cuata ( una semplice zuppa fatta con il pane frattau bagnato nel brodo di pecora e intervallato con Formaggio fresco ) , le tagliatelle con fagioli e la tipica pasta sa fregula che si può gustare sia con accompagnata da sughi di terra che di mare ( famosissima è sa fregula con vongole e bottarga).Nella gastronomia di terra primeggia il famoso arrosto di porcetto, la pecora bollita, la cordula d’agnello con i piselli, i piedini di agnello così come tutti gli arrosti di agnello e capretto.

Nella gastronomia di mare primeggiano gli spaghetti alla bottarga, i ravioli di pesce, il risotto alla pescatora in cui non possono mancare le famose cozze e arselle di Olbia, , gli spaghetti all’aragosta, alla carlofortina, il risotto allo scoglio, il risotto al nero di seppia, infine i calamari ripieni, la zuppa alla maddalenina, la merca( un muggine lessato e aromatizzato con erbe palustri),le anguille, i famosi capitoni, infiniti piatti a base di tonno( tipici della zona del cagliaritano), l’aragosta alla catalana, alla castellanese, la zuppa alla catalana,i pesci all’agliata,i pesci con cipolle, la zuppa di scampi.

Non possiamo dimenticare i prodotti caseari sardi che hanno una grande importanza economica e una millenaria tradizione .

Anche la varietà dei dolci è notevolissima, ma senza dubbio la “regina” dei dolci sardi è la sebada, un grande e tondeggiante raviolo di pasta fritta ripieno di formaggio filante e cosparso con il miele.

La scelta di vini di alta qualità e vasta ,famosa la vernaccia dell’oristanese, la malvasia ( vino dolce e liquoroso), il cannonau, vino rosso, secco e aromatico. Il liquore più noto è il liquore di mirto fatto proprio con le bacche di questa pianta diffusissima in tutta l’isola.

Insomma Sardegna non vuole solo dire sole, mare, spiagge, panorami mozzafiato, ma anche un mondo di cose semplici da gustare e da imparare a conoscere magari davanti alla luna che spunta dal mare.

 

 

Sardegna: una terra meravigliosa

In Sardegna è possibile vivere una vacanza in molti modi: la natura geologica del territorio, le condizioni climatiche e la collocazione geografica concorrono a dare alla Sardegna un aspetto caratteristico esclusivo.
Chiunque arrivi in Sardegna per la prima volta ha la sensazione di “sbarcare” in un altro mondo, fatto di spazi infiniti, paesaggi maestosi ed è accolto da una dimensione unica : mare limpido, pinnacoli di granito, afrore di macchia mediterranea inseriti in un clima che “non sta mai fermo”,fatto di vento e sole, nuvole e colori seducente 24 ore su 24.

Circondata da un mare splendido, l’isola è una delle zone del Mediterraneo in cui le tradizioni popolari risultano meno contaminate dai rapporti esterni.
La Sardegna può essere considerata a ragione il museo a cielo aperto più grande del mondo, con i suoi 7000 nuraghi, le misteriose costruzioni in pietra che per le loro peculiarità architettoniche possono essere assimilate alle piramidi, dispersi in tutto il territorio, i grandi complessi megalitici costituiti dai Dolmen, le tombe dei giganti, i pozzi sacri,  le domus de Janas, tipici della civiltà nuragica rendono la Sardegna unica al mondo.

Considerata, in base alle indagini demoscopiche, come una delle regioni più ambite come luogo di villeggiatura la Sardegna offre una vicinanza relativa al Continente Europeo, paesaggi marini o montani di rara bellezza, una accoglienza ospitale da parte della sua gente, una gastronomia eccellente, un folclore affascinante,un artigianato unico in un entroterra ancora tutto da scoprire dalla maggiore parte dei visitatori.

Prendendo una strada secondaria ci si può trovare di fronte a una spiaggia deserta, un sito archeologico senza file e biglietti, un panorama mai fotografato, una cortesia e un’ospitalità sorprendenti per l’epoca in cui viviamo e se siamo rimasti incantati davanti al mare e i minuti sono volati osservando i suoi colori meravigliosi, il movimento, l’intrecciarsi con la costa non ci rimane che immergersi.

E lo spettacolo continuerà; si può farlo in coppia, da soli o con un centro specializzato all’alba, al tramonto, nel blù, nel turchese, in apnea, con le bombole per cinque minuti, per qualche ora, con il sole, con la luna, per ammirare i pesci, per studiare un antico relitto, per stupire dinanzi ai colori del fondale o meglio ancora per volare sospesi in un mondo diverso.

Se amate pescare , non possiamo dire quanto pescherete, ma certamente vi divertirete, con la canna, sott’acqua,in barca,alla traina, di giorno, di notte, sarete sempre e comunque circondati da un ambiente incredibilmente bello e da sensazioni uniche.

La Sardegna rivela una serie di peculiari aspetti, un mondo da scoprire, assimilare e comprendere, un mondo di “cose uniche” che ancora si perpetuano in perfetto ( ma ormai precario)equilibrio tra la natura e l’uomo.